Spettacolo di fine anno 2018

postato in: D.LAB News | 0

Ci siamo. L’11 giugno va in scena QUATTRO, spettacolo di fine anno con tutte le allieve dei corsi di danza moderna contemporanea di D.LAB.

Perché questo titolo? Questo è il saggio numero QUATTRO firmato D.LAB, ossia diretto unicamente da me (con l’immancabile supporto di mia sorella). Vedrete in scena la creatività di QUATTRO persone: io e mia sorella appunto (per la parte registica e coreografica) e due “nuovi” collaboratori che hanno fuso le proprie arti (visive) per creare la videoscenografia dello spettacolo. Eliseo Franchini (tatuatore e illustratore) con tavolozza e pennelli. Andrea Franceschini (video writer) con la macchina da presa. Il risultato? Lo vedrete l’11 al Teatro Sanbapolis di Trento.

E poi ci sono loro loro. Le QUATTRO STAGIONI. Il tema di questo spettacolo. Un’interpretazione nuova (la nostra) delle “vecchie” stagioni vivaldiane, interpretate da tutte le nostre ballerine. Piccole e grandi, principianti e avanzate.

E io? come sempre (a pochi giorni dallo spettacolo) nel caos più assoluto. “Pratico ansia a livello agonistico” cita una canzone. Eccomi, sono io.

Poi mi basta pensare alla felicità che provo a spettacolo terminato (vedi foto), che tutto passa.

Per ora, buone prove a noi!

Spettacolo di fine anno 2018
QUATTRO – 11 giugno Teatro Sanbapolis

D.LAB per Ateneo dei Racconti

postato in: D.LAB News | 0

Una nuova esperienza per noi. Creare e danzare un pezzo coreografico per un testo. Un racconto, per l’esattezza. “Il Messaggero” (questo è il titolo della storia) è un testo fantascientifico scritto da una giovane studentessa universitaria per il Contest “l’Ateneo dei Racconti”, in cui universitari delle nostre facoltà trentine si sfidano penna in mano. 

I racconti selezionati sono stati trasformati in performance teatrali. Alle nostre ballerine del corso avanzato il compito di rappresentare – danzando – l’umanità alienata da un satellite artificiale, interpretato a sua volta da mia sorella Annalisa.

Il tutto sotto la direzione artista del regista Guido Laino. 

Una bellissima esperienza andata in scena ieri sera all’auditorium Sanbapolis di Trento

Alla prossima collaborazione! 

Eccoci! 

postato in: D.LAB News | 0

“È ritornato maggio al canto del cucù″ cita una vecchia filastrocca. Cavolo, ma ieri non era gennaio??

Eccoci come ogni anno a fare il count down in previsione del saggio di fine anno. Questi otto mesi di lezione sono volati. E sono stati una gran (bella fatica). Se lo scorso anno facevo i conti con pancione (prima) e un bebè nelle ultime settimane di lavoro, avere un bimbetto che – gattonando come non ci fosse un domani – viaggia in tutta la casa lasciando il caos dietro di sè… beh, è mooooooolto più complicato di quanto mi potessi aspettare!

Le mie energie sono divise fra le due cose che amo di più: il mio lavoro e questa splendida creatura. A me resta ben poco, ma va bene così. Anche se mi trovo a tagliare musiche o a pensare alle coreografie di notte, quando il nano è crollato, lo rifarei altre 1000 volte!

Ma parliamo di danza. L’11 giugno si avvicina. L’appuntamento è al Teatro Sanbapolis. I lavori sono a pieno regime. Come sempre tutte le mie ballerine – dalle piccolissime alle grandi – si stanno impegnando al massimo e ne sono felice. Quest’anno fra i piccoli di PRIMADANZA ho pure un maschietto. Cosa desiderare di più?

LUCE… in sintesi

postato in: D.LAB News | 0

Riassumere più di un’ora di spettacolo non è stato facile… ma ci ho provato!

Ecco a voi una sintesi di LUCE, il primo spettacolo di fine anno di D.LAB. In scena, quasi 50 ballerine di ogni età… tutte vestite di bianco… tutte bravissime! (cuore di maestra :))

Cosa mi inventerò per il prossimo anno? Qualcosa in testa mi frulla già…

P.S.: ancora un grazie gigante al papà di Matilda per le riprese!

Siamo partiti!

postato in: D.LAB News | 0

Quando ho deciso di intraprendere questa avventura, il mese di ottobre mi sembrava così lontano. E invece eccoci già qua.

Siamo in fase di rodaggio, ma direi che come inizio non c’è male! Nuove conoscenze, tante facce di vecchia data. Ogni giorno mi devo mettere alla prova… e questa cosa mi piace! Ridere con i bimbi dell’asilo, dare il massimo con le ragazze dell’avanzato, spiegare lentamente un passo a chi lo prova per la prima volta. Insegnare danza ha tante facce diverse. Io le amo tutte!

L’altro giorno ho visto una bimba emozionarsi perché ho “messo la musica”. Ha spalancato i suoi occhioni e si aperta in un sorriso gigantesco “solo” per quelle note che hanno iniziato a riempire la sala. Mi sono rivista in lei tanti anni fa. Era così anche per me, è lo è ancora.

La musica mi prende dentro. Con la danza io racconto, a modo mio, quello che mi dice.

Parentesi a parte, siamo partiti! E ancora non mi sembra vero…

Le ragazze del corso intermedio/avanzato